Per dire la tua, chiama allo 06.899.291 oppure scrivi un messaggio al 393.899.2913!

Il palco di Caffè Scorretto dal 5 al 9 Marzo

tejeraA Radio Popolare Roma i primi accenni di primavera coincidono con il risveglio artistico che la scena indipendente sta vivendo in questo primo scorcio d'anno.
Il palco di Caffè Scorretto accoglierà dal 5 al 9 Marzo cinque progetti musicali pronti a far parlare di sè nei prossimi mesi.
In realtà Diana Tejera, che aprirà la settimana di live in studio 4, deve essere considerata già una splendida realtà della canzone italiana.
Di padre andaluso e madre italiana, cresce fin da piccola nel mondo della musica, e inizia a studiare pianoforte a nove anni e chitarra e canto a tredici. Nel 1997 studia al Centro Europeo Toscolano di Mogol, e viene notata dal grande paroliere che la vuole nel progetto “Fiori d’acqua dolce”, e così incide ”Il paradiso non è qui”, inedito di Battisti/Mogol.
I Plastico si sciolgono nel 2003 e Diana Tejera è l'unica dei quattro a continuare la carriera nella musica; all’intensa attività concertistica affianca la realizzazione di varie colonne sonore, e collaborazioni con musicisti romani, tra cui Marco Fabi, Barbara Eramo, Andrea Di Cesare, Alessandro Orlando Graziano, Nathalie e soprattutto Tiziano Ferro.
Nel 2010 pubblica, per la SunnyBit, il suo primo album solista, “La mia versione” mentre l'anno seguente scrive, insieme a Chiara Civello “Al posto del mondo”, canzone ammessa al Festival di Sanremo 2012.

Il martedì di Caffè Scorretto apre i suoi microfoni alla prima delle due proposte emergenti selezionate tra le tantissime giunte in redazione nel corso di questi mesi di programmazione.
I romani Factotum nascono nel febbraio 2007 per portare in giro i brani di matrice Rock e Folk italiano composti da Silvano Leone e da Fabio Purgatori.
Mercoledì debuttano sul nostro palco virtuale i Sprained Cookies, una realtà totalmente nuova frutto dell'incontro tra Cecilia Frusciante e Corrado Maria De Santis. Dal loro matrimonio artistico è nata l'idea di dedicarsi alla composizione di brani “slogati”. Cecilia è la voce nonché autrice dei testi in lingua inglese dei Cookies, mentre Corrado, chitarrista dalla lunga esperienza in altri progetti, cura la parte strumentale.
Gli Sprained Cookies toccano il fuoco, si bruciano piuttosto che riposare nella noia del tempo e svanire, giocano con i propri diavoli, quelli che danno il tormento, ma che segnano le passioni di un’esistenza. A febbraio 2011 pubblicano il loro primo Ep Deliverin’ The Sacred Feathered One (etichetta 29Records/distribuzione digitale Believe), 5 brani (More, The Squeak, Home Home, A Vicious Way, Hedges And Corals) dalla forte influenza psychobluesy-folk, dove prende coraggio la necessità di abbandonare il pesante corpo nel quale restiamo imprigionati per così correre d’anima. A Febbraio presentano i brani del nuovo EP aprendo prima il concerto di Fran Healy(Travis-Gb) al Circolo degli Artisti di Roma, poi di Luis Francesco Arena(Fr) e Laura Meyer(Usa). Ad Aprile vincono l’Italia Wave Band che gli permette di entrare a fare parte del cast dell’Italia Wave Love Festival 2011.
Enrico Farnedi , protagonista del live del giovedì , un giorno ha incontrato uno strumento poco utilizzato, almeno nel campo della canzone d'autore. Se ne è innamorato e lo ha fatto diventare il protagonista del suo primo disco solista “Ho lasciato tutto acceso”.
Questo strumento è l'ukulele. “Ho lasciato tutto acceso” è la tappa più recente di un variegato e appassionato percorso artistico e vede Enrico in veste di ‘one man band’.
Ukulele, banjolele, basso, batteria, sintetizzatore, tamburello, shaker, glockenspiel, una tromba giocattolo e vari tegami da cucina sono alcuni degli strumenti che ha suonato, tutto da solo nella sua cantina, per dare una base musicale alla sua voce e ai suoi testi schietti, sia intimistici che scanzonati.
Enrico è noto ai più per essere membro dal 97, con l’alias Rico Romano, della swing band The GoodFellas.
La sua carriera di trombettista lo ha visto collaborare con Vinicio Capossela, Quintorigo, Sam Paglia, Montefiori Cocktail, Tanita Tikaram, Cesare Cremonini, Steve Coleman, Cheryl Porter, Cochi & Renato (con cui ha preso parte al programma di Rai2 ‘Stiamo lavorando per noi’) e con la cantante e attrice francese di culto Françoise Hardy.
Nel 2006 ecco la folgorazione per uno strumento con cui in breve tempo crea il suo rapporto più intimo: l'ukulele. Nel giro di appena due anni questo feeling lo ha portato a partecipare a Ukeit, il primo festival italiano dedicato al piccolo strumento hawaiano, e a figurare nella compilation “Ukeit Vol.1” (Barlumen Records) insieme a Petra Magoni, Ferruccio Spinetti, Frankie Hi Nrg e Pacifico.
Chiudiamo la settimana con un gruppo che torna sul palco di Scorretto con un nome tutto nuovo e sonorità portate a maturità.
La Categoria dei Pesi Variabili (Ex Giacomo Bianco) crea musica raramente fischiettabile, sebbene la forma canzone sia ancora ben presente nella sedimentazione di riferimenti musicali estremamente ampi, dalla musica funk e africana al rock eterodosso della Recommended (Ensemble Rayè, Skeleton Crew, Bob Drake), dal cantautorato esistenzialista (De Andrè, Piero Ciampi e Luigi Tenco, filtrati attraverso una sensibilità new wave anni ottanta) ai movimenti circolari delle pulsazioni reggae-dub, dal personalissimo uso di strumenti acustici e di campionamenti ad una punta di esotismo che recupera alcuni elementi del fado e del tango argentino.

Anche quest'anno porte aperte agli ascoltatori che vorranno assistere alle performance dei musicisti.
Hai musica da proporre? Se fai parte di una band o sei un'artista singolo scrivi a: musica@radiopopolareroma.it

La musica di Caffè Scorretto

Dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 18.00
Sui 103.3 di Roma e provincia e in streaming su questo sito

 
 

Per intervenire in diretta:

tel. 06.899.291

SMS 393.899.2913

 

Sostieni Radio Popolare Roma:

 

Radio Popolare Roma è la radio libera e indipendente della Capitale.

Radio Popolare Roma produce ogni giorno quasi dieci ore di informazione: sugli interni, gli esteri, la cultura, gli spettacoli.

E' una radio locale: Roma è il nostro principale teatro di azione, di cronaca e di racconto.

La città entra nella nostra programmazione attraverso un meccanismo doppio: ogni giorno i nostri inviati sono in diretta, mattina e pomeriggio, a raccontare i fatti.